Comincia qui

C’era una volta una ragazza simpatica. No, non era brutta. Era simpatica e anche caruccia a dirla tutta.

Nasce e cresce a Torino negli anni ’80.
Attraversa la fase dark, tamarra, geek, ma rimane in definitiva una sana simpaticona sorridente.
La ragazza studia Scienze della Comunicazione, poi fa un master e poi si infogna definitivamente con il web.
Si iscrive su Facebook quando ancora non c’erano le app, e su Twitter quando ancora non c’erano i One Direction.
E da lì ommipouradona: divora un social dopo l’altro, sperimenta, pasticcia, apre, chiude, carica, scarica.
Così nasce la mia anima sabauda 2.0.

Ma c’è di più. Sì, perché si dà il caso che la ragazza abbia un’altra torbida passione: la scrittura.
Occhi spalancati dal terrore, sudorazione e incapacità di definire il mio lavoro sono state le prime reazioni dei miei genitori.
Così nasce la mia anima copywriter.

Un giorno l’amica J rompe con il fidanzato. Oltre alle solite chiacchierate fiume, questa volta si aggiunge un mio pezzo scritto di botto, così sull’onda dell’ispirazione, e inviato alle amiche. J risponde con parole che saranno profetiche: “Questa cosa fa morire dal ridere. Dovresti aprire un blog.”
E fu così che la Cappuccetto di Penna piemunteisa decise di aprire questo spazio online.

Un angolo per chi vive, studia, lavora o semplicemente apprezza Torino.
Un angolo per chi vive da nerd, studia e lavora come un geek, o semplicemente apprezza ciò che di buono (e critica ciò che di cattivo) Internet ha portato nelle nostre vite.
Un taccuino sul quale annotare e commentare la vita 2.0 all’ombra della Mole.
Insomma tutto il social più ghiotto, da e su Torino.

P.S.
Ah, non sono ancora riuscita a spiegare ai miei genitori cosa significa fare il copywriter e né tantomeno la social media manager.
Chi mi aiuta?

Annunci